AVVISO - OBBLIGO COMUNICAZIONE PEC


OBBLIGATORIETÀ ISCRIZIONE

Si ricorda che, in base alla legge 3/18 “Delega al Governo in materia di sperimentazione clinica di medicinali nonché disposizioni per il riordino delle professioni sanitarie e per la dirigenza sanitaria del Ministero della salute”, l’iscrizione all’Ordine Professionale è obbligatoria per tutti i professionisti che esercitano la professione sanitaria e che nell’esercizio della professione senza iscrizione si configura il reato di  esercizio abusivo della professione sia nell’ambito di attività libero professionale, che nell’ambito di rapporti di lavoro dipendente subordinato pubblico o privato. Diversamente si incorre nelle sanzioni di cui all’art. 348 cp che è stato sostituito ed oggi così recita:Chiunque abusivamente esercita una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 10.000 ad euro 50.000. La condanna comporta ……omissis…. altresì la interdizione da uno a tre anni dalla professione o attività regolarmente esercitata ………….omissis”.

In merito alle conseguenze civili si sottolinea inoltre che, l’attività professionale svolta in mancanza di iscrizione è priva di riconoscimento contrattuale e di tutela, mentre in ipotesi di procurati danni a terzi, la richiesta di risarcimento nei tuoi confronti sarebbe inevitabile, senza possibilità alcuna di difesa.


 

QUALORA L’ISCRITTO DESIDERASSE RICEVERE IL CERTIFICATO ATTESTANTE L’ASSOLVIMENTO DELL’OBBLIGO FORMATIVO POTRÀ CHIEDERNE IL RILASCIO ALL’ORDINE SPECIFICANDO PER QUALE TRIENNIO INTENDE AVERE IL DOCUMENTO.

A TAL FINE PER PRECISE DISPOSIZIONI DI LEGGE OCCORRERA’ PRESENTARE ALL’ORDINE DOMANDA CON MARCA DA BOLLO DA € 16,00.

L’ORDINE, INFATTI DOPO GLI OPPORTUNI CONTROLLI PRESSO IL SISTEMA Co.Ge.A.P.S., POTRA’ PROVVEDERE AL RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE, ANCHE QUESTA IN CARTA BOLLATA DA € 16,00, CHE ATTESTA IL PIENO SODDISFACIMENTO DELL’OBBLIGO FORMATIVO TRIENNALE, DOCUMENTO RILASCIATO NEL CASO IN CUI IL PROFESSIONISTA ABBIA SODDISFATTO L’INTERO FABBISOGNO   INDIVIDUALE   DEL    TRIENNIO, TENENDO   CONTO   ANCHE   DEGLI   EVENTUALI ESONERI, ESENZIONI E RIDUZIONI   DERIVANTI   DALLA   FORMAZIONE   SVOLTA   NEL   TRIENNIO PRECEDENTE.

E’ POSSIBILE AVERE UNA SEMPLICE ATTESTAZIONE DELLA POSIZIONE CHE NON HA PERO’ VALORE CERTIFICATIVO.

Ricordo che, nei rapporti con gli organi della pubblica amministrazione ed i gestori di pubblici servizi, i certificati relativi al numero di crediti formativi maturati e all’assolvimento dell’obbligo formativo sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni di cui agli articoli 46 “Dichiarazione sostitutiva di certificazione” e 47 “Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà” del D.P.R n. 445 del 28 dicembre 2000. Gli enti privati non sono obbligati a ricevere tali autocertificazioni.

Infine rammento che solo i crediti ECM acquisiti nel rispetto delle norme e dei vincoli definiti dalla CNFC concorrono al conteggio dei crediti annuali e al completamento dell’obbligo formativo individuale triennale. Il mancato raggiungimento dell’obbligo con crediti conformi alle regole, non consente di ottenere la Certificazione ECM di conformità, anche con un numero di crediti superiore.

SONO A DISPOSIZIONE TELEFONICAMENTE OPPURE SU APPUNTAMENTO PRESSO LA SEDE PER EVENTUALI CHIARIMENTI.

E' COMUNQUE POSSIBILE TELEFONARE PER EVENTUALI PROBLEMI TECNICI DI INSERIMENTO NEL SISTEMA CO.GE.A.P.S. OPPURE PER QUESITI PARTICOLARI ANCHE AL CO.GE.A.P.S. A ROMA PRESSO IL NUMERO DI TELEFONO SOPRACITATO 0636000893 DAL LUN-VEN. 9:00-13:00.

.